Gamification: la fabbrica senza limiti

PAD. 4, Ingresso Sud

Dal Tunnel dell’Innovazione alla Fabbrica senza limiti

2000 metri quadri di attività dimostrative, interattive ed esperienziali,  per offrire ai visitatori  la nuova concezione di fabbrica sempre più a misura d’uomo

 

Le Fabbriche cercano i giovani ma i giovani sono distanti dalle Fabbriche, questo è ciò che emerge delle ultime pubblicazioni dell’Osservatorio Nazionale MECSPE  per le PMI.

La fabbrica è diventata intelligente, non più solo hardware ma anche tanto software,  eppure, nonostante ciò è  ancora poco attraente per i giovani.

Questa poca attrattività ne determina la scarsa reperibilità di profili specializzati  da parte delle imprese manifatturiere, sempre alla ricerca di personale qualificato.

Perché la fabbrica risulta poco attraente nei confronti dei giovani?  

Dalle analisi condotte  si evince che  le principali cause della poca attrattività del lavoro in fabbrica,  risiedano in alcuni luoghi comuni che incasellano la tipologia di lavoro  come “ripetitivo”   “faticoso e manuale” , “vincolante” in termini di spazio e di orario e dunque molto lontano dall’attuale stile di vita più orientata ad orari flessibili . Emerge inoltre la sensazione che le fabbriche siano “ tecnologicamente arretrate” .

 

La reputazione dell’ambiente fabbrica deve dunque  cambiare, questo perché la realtà è molto distante dalla percezione acquisita nell’immaginario collettivo.

Le Fabbriche attraverso innovazioni e aggiornamenti sostenuti anche dal piano Industria 4.0, si sono aggiornate e raccolgono dati e informazioni che poi rimangono bit senza assumere il valore di informazione.

Le Fabbriche, sempre più automatizzate, richiedono maggior “intelligenza” in luogo di “maestranza”,  il lavoro e il luogo di lavoro sono potenzialmente illimitati; i “gradi di libertà” nel sistema Fabbrica 4.0 sono infiniti.

 

La “Libertà” sembra essere il paradigma unificante nel quale si condensano gran parte delle aspettative e dei  sogni dei giovani; nella libertà si esprimono motivazioni, scelte, critiche, azioni, creatività, stili di vita.

 

Per cercare di risolvere questo paradosso in cui giovani e fabbrica apparentemente sono distanti , vogliamo esporre le tecnologie oggi ‘possibili’ e ‘applicate’ in fabbrica, che possano raccontare le moderne fabbriche oltre che affascinare i giovani che attraverso la loro moderna interpretazione possono diventare elemento essenziale di innovazione di processo per la fabbrica stessa.

Iot, Big Data, Cloud Manufacturing, Digital Twin, Realtà aumentata e virtuale, Gamification, Smart Working e Wearable Device, Produzione distribuita con Additive Manufacturing, Nuovi Spazi, Cobotica e Intelligenza Artificiale; strumenti tecnologici di progettazione ,  gestione e manutenzione predittiva degli impianti per ogni moderna fabbrica, senza perdere la connessione con le linee produttive fatte di macchine.

 

Con questi strumenti i giovani possano trovare nella fabbrica risposte più adeguate e maggiormente “rispondenti” al loro “credo” e alle loro esigenze di vita e le fabbriche nuova linfa per le proprie attività.

Tutto ciò rende la Fabbrica senza limiti: operativi, funzionali, fisici, psicologici, tecnici e operativi .

In collaborazione con: