28/02/2020

Una start-up per un futuro green

La ricerca e innovazione di prodotto passa anche dalle piccole imprese come Caldara Plast che si incontrano con realtà universitarie. In un ambito dominato dalle multinazionali l’azienda comasca ha iniziato a collaborare con i laboratori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Università di Pisa, sotto la guida dei professori Patrizia Cinelli e Andrea Lazzeri. Un progetto che ha portato alla nascita di Planet Bioplastics, una start-up innovativa che mette in dialogo aziende e docenti universitari, che si scambiano conoscenze ed esperienze dirette sul tema dei compound polimerici derivati da fonti rinnovabili, compostabili o meno a seconda dell’applicazione e delle esigenze. L’obiettivo industriale di Planet Bioplastics è la produzione di compound di biopolimeri, anche in quantità limitate, per soddisfare le richieste dei trasformatori che non riescono a trovare ciò di cui necessitano o che non riescono a indurre i grandi produttori ad avviare progetti ad hoc.

«Per noi è una sorta di chiusura del cerchio» sottolinea Massimiliano Caldara. «Se questo progetto ambizioso dovesse risultare sostenibile, saremmo pronti e attrezzati per produrre compound “bio” in un contesto che può beneficiare di un’analisi rigorosa non solo degli aspetti tecnici, ma anche dei costi, dei mercati potenziali, della richiesta reale del mercato. Si supererebbe la logica legata all’esigenza del momento, di seguire le mode, per realizzare prodotti davvero utili e soprattutto sostenibili non solo sotto l’aspetto ambientale, ma anche economico».

Caldara Plast crede nell’innovazione intesa come continuo rinnovamento e ricerca di prodotti e nella necessità di far incontrare competenze tecniche reali competenze teoriche in un dialogo costruttivo capace di creare valore. L’obiettivo è quello di raggiungere in futuro una produzione industriale di compound di biopolimeri che abbiano un’applicazione commerciale. La collaborazione con un’azienda medio piccola come Caldara permette una maggiore flessibilità nella produzione e nella ricerca applicativa su nuovi prodotti anche in piccole quantità o in materiali particolari.

Attraverso questa start up la mission di Caldara Plast di ridurre i rifiuti plastici non recuperabili puntando all’esigenze di rispetto dell’ambiente nell’ottica della riduzione dell’inquinamento da plastica è ancora più rafforzata.

Il rifiuto/risorsa di partenza sono sottoprodotti di ambito agroalimentare dai quali si ricavano biopolimeri naturali. A partire da questi si genera una bioplastica adatta ad applicazioni sia monouso che durevoli. Alla fine del loro ciclo vitale questi prodotto si potranno smaltire in modo ecologico. Un perfetto esempio di economia circolare completamente green.

 

 

 

Dove puoi trovarci CALDARA PLAST S.R.L.:

Salone: Eurostampi - Macchine e Subfornitura Plastica, Gomma e Compositi | Padiglione: Pad. 6 | Stand: F05