1

Feb

Produzione additiva 4.0 – Parte 2: Fasi di stampa PolyJet con stampante Stratasys

Dimostrazione Stratasys Objet Eden260VS

Utilizzo di tecnologie PolyJet Gamma Design e FDM

Se questa è l’importantissima fase di progettazione, la stampa in 3D è un altro dei tasselli fondamentali dell’area Produzione additiva 4.0, dal progetto all’oggetto: creare e produrre combinando tecnologie e materiali differenti, nella quale le isole per la produzione additiva sono affidate a un altro partner che è tra i principali protagonisti mondiali dei sistemi di manifattura per addizione, ovvero Stratasys.

La presenza di Stratasys a MECSPE

«Saremo presenti all’interno dell’area con due sistemi produttivi funzionanti secondo le diverse tecnologie PolyJet e FDM. Lo scopo è di mostrare ai visitatori i principi di funzionamento e i vantaggi che ciascuna tecnologia offre: entrambe mettono a disposizione dell’utente un’elevata versatilità e disponibilità di materiali, accuratezza, ripetibilità. I sistemi di produzione PolyJet combinano tutte queste qualità con elevato livello di dettaglio e realismo. Una macchina Stratasys con tecnologia PolyJet della serie Design ha il compito di produrre ininterrottamente pezzi che dimostrano come questi sistemi produttivi siano pensati per risolvere i problemi fra disegno concettuale e ingegnerizzazione e realizzazione di un progetto»

L’altro sistema produttivo presente nell’area, basato sulla tecnologia FDM e appartenente anch’esso alla serie Design di Stratasys, ha invece il compito di stampare il secondo oggetto il cui modello è stato realizzato da Autodesk. «La tecnologia FDM mette a disposizione materiali termoplastici reali caratterizzati da elevate prestazioni per prodotti resistenti e durevoli. Dimostreremo come, grazie alle sue caratteristiche uniche, permetta di rivoluzionare non solo le fasi progettuali e di disegno del componente, stravolgendo i classici canoni dettati dalle tecnologie tradizionali, ma anche la fase stessa di produzione dei componenti. È infatti possibile vedere all’opera il software Stratasys di programmazione della produzione, che consente di decidere e modificare il posizionamento di ogni grammo di materiale a seconda delle esigenze di resistenza e leggerezza». Anche questa parte dell’area sarà presidiata da esperti di Stratasys che risponderanno alle domande dei visitatori sulle macchine, sui materiali impiegati e sulle tecnologie.

– Niccolò Giannelli, technical consultant Aerospace di Stratasys


Maggiori informazioni sulla fiera MECSPE

Contatti »